Duomo
HOME VISITE ACQUISTI EVENTI RICERCA MAPPA E-MAIL

Sezione - Opera del Duomo
IL SUPERAMENTO DELLA CRISI GENERAZIONALE

 

Signum
Opera del Duomo di Orvieto Signum


Che cos'é
Le origini
Il cantiere pontificio
L'epoca di passaggio
La prima legislazione
Il superamento della crisi
Il cantiere
L'orologio di Maurizio
L'istituzione
Il signum
XV e il XVI secolo
I capitoli del 1553
Il XIX secolo
I Regolamenti del 1866 e del 1867
La natura giuridica
L'attività
L'organizzazione
Il Consiglio
La sede
 

 

 

Nei primi anni del XIV sec., i Signori Sette, facendo leva sulle difficoltà attraversate dal papato dopo la morte di Bonifacio VIII (1303) e lo stabilirsi della curia pontificia ad Avignone (1309), avviano una politica di laicizzazione dell'Opera, prima con un controllo maggiore sugli introiti, poi intervenendo anche nelle decisioni artistiche del cantiere.
Superato il periodo oscuro per la Fabbrica noto come "crisi generazionale" (1295-1304ca.) e caratterizzato da un arresto dei lavori per un mutamento della sensibilità artistica e del sostrato storico- culturale, le autorità comunali inseriscono una nuova figura, deputata alla direzione degli aspetti tecnico- artistici: l'universalis capud magister, ruolo affidato all'architetto senese Lorenzo Maitani prima del 1310; in questo stesso anno infatti, a conferma dell'incarico conferitogli, verrà concessa al nuovo capomaestro la cittadinanza orvietana, secondo una prassi diffusa tra le città comunali medioevali.
Rappresentando un elemento di raccordo tra il cantiere e l'Opera, il capomaestro colma il vuoto che si era creato, nel 1300, con la riduzione delle competenze dell'operarius e l'acquisizione di mansioni amministrative da parte dei soprastanti.
L'introduzione di questa figura, di nomina comunale, che trasforma il Duomo dal punto di vista architettonico e la Fabbrica sotto il profilo organizzativo, contribuisce a realizzare quel progetto di acquisizione dell'Opera, auspicato dai Signori Sette e destinato a durare oltre la fine del loro primo governo (1313).
Poche modifiche subirà infatti l'organigramma messo in piedi dai rappresentanti del potere esecutivo; documenti del 1315 testimoniano la scomparsa definitiva dell'operarius e la presenza di ben quattro soprastanti, uno per quartire, a rappresentare il legame così forte tra la struttura territoriale e amministrativa della città e la sua cattedrale.


zoom
zoom
zoom
  © OPERA DEL DUOMO DI ORVIETO - Tutti i diriti riservati  
L'Opera del Duomo Il Duomo di Orvieto L'Archivio dell'Opera del Duomo Il Museo dell'Opera di Orvieto Bibliografia